Agenzia Web dal 2003
A Rosignano Solvay - Livorno
Chiamami al
328 9475200
Fissa un appuntamento
Scrivi ad info@publidata.it

La Landing Page: lo strumento di conversione

landing page che ottengono conversioni

Nel precedente articolo abbiamo parlato di come Facebook può essere usato per catturare l’attenzione del nostro potenziale cliente.

Ripetiamo brevemente quali sono le macro-fasi per il raggiungimento di un qualsiasi obiettivo, da svolgere in sequenza:

  • CATTURARE L’ATTENZIONE
  • OTTENERE FIDUCIA
  • RAGGIUNGERE LA CONVERSIONE
  • OTTENERE UN FEEDBACK

Una volta che l’utente ha fatto click sul nostro annuncio Facebook ha esaurito il suo ruolo nella prima fase della strategia, quindi passiamo alla seconda: la landing page (o pagina di atterraggio), ovvero quella pagina web dove si troverà l’utente dopo il click.

Qui ci giochiamo la nostra partita perché siamo stati bravi a portare l’utente dove volevamo. E ora?

Questo è il momento in cui dobbiamo ottenere la sua fiducia, minimizzando quanto possibile ogni tipo di frizione e mettendo in evidenza il motivo per cui dovrebbe effettuare una conversione sulla nostra pagina (lasciare la mail, scaricare un file, ecc…).

un esempio di landing page efficace

La landing page, se realizzata appositamente, di solito è un’unica pagina composta da diverse macro-fasi:

  • ripetere i contenuti dell’annuncio per abbattere la frizione dopo il click;
  • evidenziare immediatamente i vantaggi del nostro prodotto/servizio e quale problema/esigenza risolve;
  • fornire maggiori informazioni;
  • evidenziare i feedback di altri clienti che hanno già provato il prodotto/servizio;
  • chiedere di compiere un’azione, ovvero il nostro obiettivo: la conversione.

La landing page può essere anche la pagina di un sito web, di un blog o la scheda prodotto di un e-commerce.

L’importante è che sia presente e ben evidente l’azione che vogliamo far compiere al nostro utente perché questo è il suo ruolo principale nella nostra strategia di web marketing.

evidenziare la call to action nelle landing page

Un altro compito importante che ha una landing page è quello di creare una connessione con l’utente (ottenere la mail o il like alla pagina Facebook ad esempio) per poterlo raggiungere successivamente con altri messaggi.

E’ un’obiettivo determinante perché dal momento in cui portiamo traffico qualificato a pagamento sulla nostra pagina di atterraggio è necessario ottimizzarne i ritorni, sia nell’immediato che nel futuro.

Non è detto che l’utente sia pronto a convertire subito, magari vuole capire meglio chi siamo, come lavoriamo, se il nostro prodotto/servizio è davvero quello che fa al caso suo, o magari non ne ha bisogno subito.

Non è raro che gli utenti convertano ance dopo giorni, settimane o mesi, ma tutto è iniziato con la connessione che siano riusciti a creare la prima volta.

Stiamo iniziando a capire che per ottenere risultati concreti è necessario avere una strategia di webmarketing chiara e che per svilupparla possono entrare in gioco strumenti diversi e competenze diverse.

Potrebbe esserti utile leggere anche questo caso studio reale dove ti dimostro che si possono ottenere risultati davvero ottimi con Facebook.

Spero di averti trasmesso delle informazioni interessanti, ma vorrei saperlo da te.
Se hai piacere puoi lasciare un commento qui sotto. Alla prossima!

Rimani connesso alla mia pagina WebMarketingEfficace per ricevere le notifiche dei prossimi articoli. Metti Mi Piace qui sotto.

Share

Mentre gli altri ti parlano di strumenti, io ti parlo di come acquistano i Tuoi Clienti! Ti aiuto a sviluppare la corretta Strategia di Web Marketing della tua attività. E i Risultati si vedono! Il mio lavoro è sviluppare e mettere in pratica la corretta strategia di web marketing per la tua singola azienda, mettendone in risalto i punti di forza, scegliendo gli strumenti giusti e coordinandoli tra loro, con l’unico obiettivo di ottenere risultati tangibili (fatturato, clienti e vendite).